Home » Fuori le mura » Una gita al Pian della Mussa

Una gita al Pian della Mussa

Un giorno qualunque svegliatevi e dite al vostro padroncino/a di portarvi in montagna. Ma non in un posto qualsiasi: a Balme nel cuore delle Valli di Lanzo, a circa 60 chilometri da Torino. Non c’è l’autostrada ma una statale che dolcemente sale sino a 1400 metri.
E’ un posto che amo molto sia d’estate che d’inverno. Incontrerete la montagna autentica, quella vera, fuori dai circuiti di massa e dai blasonati sport invernali. Una montagna dove poter fare delle belle passeggiate in piena libertà immersi in una natura incontaminata.

Balme Pian della Mussa Valli di Lanzo Vienifuoriconme
Piano della Mussa passeggiata sulla neve Vienifuoriconme

Balme è il comune più elevato della Val d'Ala e deve la sua notorietà alla presenza di sorgenti d'acqua considerate di gran pregio. Dal centro abitato, dopo 5 chilometri, si raggiunge il Pian della Mussa sul cui orizzonte si stagliano le imponenti cime dell'Uia di Ciamarella (3.676 m) e dell'Uia di Bessanese (3.604 m).

Da Balme sono partito la scorsa settimana per una divertente passeggiata sulla neve. Passo dopo passo siamo arrivati al vasto pianoro lungo più di 2 km formatosi dal riempimento di un lago glaciale. La passeggiata è leggermente in salita ma alla fine vi aspetterà una bianca pianura.

Balme Pian della Mussa Vieniforiconme

Ora vi starete domandando come mai ho messo i calzini. A me capita questo: dopo un po’ che cammino sulla/nella neve, e soprattutto quando non è soffice, si formano delle palline di ghiaccio in mezzo ai polpastrelli che, intrecciandosi con il pelo, mi impediscono di camminare per il dolore. Ecco perché la mia padroncina ha pensato di proteggermi anche se non sono una valida soluzione: si bagnano e scivolano via 🙁 ma… sta già ordinando delle “scarpette” per la neve impermeabili e protettive!

Ritornano alla passeggiata, a dire il vero, non abbiamo percorso tutto il pianoro in quanto ci aspettavano per pranzo all’Antico Albergo Camussot: un vero albergo di montagna dove soggiornarono Giosué Carducci, Eleonora Duse e la Regina d’Italia Margherita di Savoia. E’ un rifugio accogliente e confortevole dove poter soggiornare nelle sei camere (ogni camera è intitolata al personaggio che nel tempo ha soggiornato) e dove poter pranzare o cenare con piatti tipici, cucinati al momento, a ottimi prezzi. Una pausa meritata dopo la lunga passeggiata!


Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *