Home » Bel Paese » Un weekend dog friendly a Gemona del Friuli

Un weekend dog friendly a Gemona del Friuli

Gemona-Friuli-Vienifuoriconme
Gemona del Friuli
Cristiana-Harley-Gemona-vienifuoriconme
Il mio amico Harley e la sua padroncina Cristiana
Harley, il mio amichetto Beagle, aveva proprio ragione: a Gemona del Friuli si sta proprio bene, per me  e le mie compagne di viaggio una bella scoperta! Incastonata tra le Prealpi Giulie e attraversata dal fiume Tagliamento – il più lungo a carattere torrentizio in Europa – ho scoperto essere una meta davvero a misura di quattro zampe. E questo lo si deve alla padroncina di Harley, Cristiana, che con dedizione e determinazione ha realizzato presso l’Ufficio del Turismo di Gemona in cui lavora, la prima Mappa del Cinofilo escursionista, invitandomi con le mie compagne di viaggio a scoprire il territorio. Per quest’estate ho infatti deciso di sacrificare il mare e la spiaggia – scelta peraltro non forzata – per andare alla scoperta di nuove mete apprezzabili da noi ma anche dai nostri amici umani come Gemona, appunto, e San Daniele del Friuli.

IMG_9042IMG_9056IMG_8999 IMG_9040

Cristiana ci crede molto nello sviluppo del turismo cinofilo o a sei zampe; lo si sente dal suo modo pacato ma coinvolgente con il quale ti racconta la storia di Gemona, dell’amore verso noi pelosetti e… nel modo in cui mi ha accolto presso l’hotel Willy: “Ecco Pixi è arrivato, ma quanto sei bello” le sue prime parole. Mi sono sentito un piccolo principe acclamato dalla folla, che emozione; e pensate che all’arrivo in hotel c’era persino la copia della copertina del mio libro con la scritta “Benvenuto Pixi” sulla porta di ingresso! E non solo: in camera ho trovato una ciotola per il cibo e per l’acqua appoggiate su di un tappetino, biscotti di benvenuto e un piccolo asciugamano. E se pensate che questo trattamento sia stato solo per me, vi sbagliate: l’hotel Willy ci aspetta e ci accoglie a braccia aperte; è una struttura tre stelle pet friendly circondato da un grandissimo parco di ben 1.500 mq con l’erba curatissima dove noi possiamo gironzolare in piena liberta. Da qui è iniziata la mia scoperta di un angolo del Friuli Venezia Giulia che consiglio davvero a tutti.
48 a Gemona, imperdibile:
  • Recarsi all’Ufficio del Turismo, chiedere della mia amica Cristiana (dite che vi manda Pixi) la quale vi consegnerà la mappa “A spasso con fido” ovvero la Mappa del Cinofilo escursionista in Friuli Venezia Giulia, nell’ambito de “Ecomuseo delle Acque del Gemonese”; scegliere tra una (o tutte) le sei passeggiate consigliate in collaborazione con Daniela Castellani del Centro Cinofilo Lupo Nero e mettervi in marcia con i vostri padroncini alla scoperta del territorio;
  • Una passeggiata nel centro di Gemona; qui, pensate, i cani possono entrare nei musei e nelle mostre allestite come quella sul tragico terremoto avvenuto nel 1976 e che ha fatto divenire la cittadina una case history in tutto il mondo; merita entrare nel Duomo…
  • Una sosta nel letto del fiume Tagliamento; una volta arrivati al borgo di Venzone, superate il ponte e girate verso il fiume. Il divertimento è assicurato nelle sue acque limpide e cristalline;
  • Una visita al Centro Cinofilo Lupo Nero e una chiaccherata con Daniela Castellani, la proprietaria, ne vale la pena, andrete via con un bagaglio di utili informazioni;
  • Oltre che dormire… un pranzo, una cena o entrambe all’hotel Willy dove io posso accedere senza nessun problema; le mie compagne di avventura si sono trovate benissimo: le materie prime utilizzate sono prevalentemente locali e stagionali, la pasta è fatta in casa come i dolci (da assaggiare il dolce Willy in vendita nell’hotel) e il gelato, la pizza è buonissima e impreziosita da prodotti tipici come il prosciutto crudo San Daniele e i funghi porcini come la grigliata finalmente senza wrustel ma con salsiccia nostrana;
  • E se vi rimane ancora del tempo… una visita di Udine è consigliata!

Mappa-Gemona-FriuliFiume Tagliamento-vienifuoriconmeIMG_9071IMG_9063

Ecco amichetti a quattro zampe questi sono i miei suggerimenti per trascorrere giorni piacevoli in mete un po’ insolite almeno per noi italiani; ovunque andassimo, infatti, c’erano molti tedeschi vista la vicinanza con l’Austria! Nel prossimo post vi racconterò invece di San Daniele e delle nostre scorribande!
A presto! Seguitemi sempre… su questi schermi:-)

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *